BIOGRAPHY - Carlotta Castelletti

Vai ai contenuti

Menu principale:

BIOGRAPHY

ABOUT ME




Carlotta Castelletti nasce a Torino e cresce circondata dalla creatività e dalla musica.
Qui si diploma al Liceo Artistico Renato Cottini dove studia modellato con Giuseppe Penone e figura con Luigi Mainolfi.
Importanti impegni famigliari distraggono momentaneamente Carlotta dal naturale proseguimento del suo percorso artistico, spostando la sua attenzione sul ruolo della donna, assunta a simbolo di bellezza ed eleganza, nell'ambiente moda e televisione.
Non tocca una matita per quasi 10 anni.
Nel 1992 si trasferisce a Vicenza, dove riprende la via dell'arte frequentando lezioni private all'atelier di Vincenzo Ursoleo.
Dal 1994 collabora al Centro Creativo con Loretta Celsan insegnando tecniche pittoriche a persone di tutte le età, lasciando presto quest'avventura per dedicarsi alla maternità.
Carlotta continua a dipingere, prima dopo e durante, paesaggi ritratti e riproduzioni, sperimentando diversi stili e materiali, a caccia della propria dimensione espressiva.
Si mette alla prova con manifestazioni e concorsi per trarre maggiori stimoli e andare oltre i propri orizzonti.
Si dedica anche al make-up, dipingendo sui visi di donna come su tele da riempire.
La ricerca artistica accompagna Carlotta ovunque.
Finalmente nel 2006 le circostanze favoriscono una scelta che può apparire scontata, ma che deriva da una consolidata consapevolezza interiore: si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Venezia.
Approfondisce prima il percorso di Pittura, per diplomarsi poi nel 2012 in Decorazione.
Incantata dalla sacralità dell'arte antica egiziana, ammaliata dalla purezza della pittura giapponese, rapita dalle preziosità di Gustav Klimt.
Finalmente ciascun tassello prende il proprio posto.
Nasce un'irrefrenabile indagatrice dell'animo umano nella sua solitaria intimità, reso attraverso lo studio raffinato dei colori, la cura dei materiali pregiati e l'attenzione squisita al dettaglio che concorrono a immergere il soggetto in atmosfere psichiche surreali.
Una decorazione che attraverso la figura femminile vuole portare alla luce tutte quelle sfaccettature quasi impercettibili che si celano dietro ogni stato dell'essere, in attesa del momento giusto per emergere.
Ogni volto di donna è così assunto a rappresentare un mistero universale.
Impegnata nel sociale a difesa della vita umana e animale contro tutte le forme di violenza e di ingiustizia etica, Carlotta convoglia questa sua forte vocazione in live performance.
Il suo viaggio al confine dei canoni prosegue nell'attenta ricerca dei materiali, spaziando tra classicità, innovazione e provocazione, ai limiti della contaminazione tra arte e design.
Attualmente vive e lavora a Vicenza.

testo di Alice Traforti



 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu